Orte sotterranea

Orte sotterranea

Dentro la rupe di Orte

La rupe di tufo su cui è costruita Orte è scavata da una fitta rete di cunicoli. Orte Sotterranea è un percorso che testimonia tutte le attività che in questo luogo, nei millenni, si sono svolte. Le gallerie, per la maggior parte dei 2500 anni della loro storia, hanno rivestito il ruolo di sistema idrico del paese.

Nei circa 2 chilometri dell’itinerario: cisterne, pozzi, canali per lo scarico delle acque reflue, magazzini, cantine, colombaie e fontane. La visita è disponibile in due varianti: breve e completa. Un’esperienza affascinante e misteriosa in un luogo di particolare interesse.

 

Il cunicolo principale

I primi scavi, che iniziano dal VI-V secolo a.C., vengono realizzati per recuperare l’acqua piovana accumulata sulla rupe. Inoltre il cunicolo principale serve per trasportare l’acqua dalle sorgenti del Colle delle Grazie.
Comincia dalla Fontana Ipogea in piazza della Libertà, arriva alla rocca, e termina all’Arco del Vascellaro, dopo 280 metri. Il cunicolo riporta i segni di lavorazione del cantiere e sono visibili i canali di sfogo per l’acqua in eccesso.

Cunicolo di Orte Sotterranea

Cunicolo di Orte Sotterranea

Ipogeo Orte Sotterranea

Ipogeo Orte Sotterranea

Vasche di Orte Sotterranea

Vasche di Orte Sotterranea

Colombaia Rupestre

Colombaia Rupestre

L'ipogeo del Vascellaro

Gli ipogei sono delle costruzioni sotterranee artificiali o naturali. Quello del Vascellaro è collocato all’altezza del suddetto arco. Lo scavo ha raggiunto il lato occidentale del cunicolo principale, trasformandolo.
Il luogo ha le dimensioni di una stanza in cui è stata costruita una vasca per la pigiatura dell’uva. Attaccata a questa c’è una vaschetta scavata nel pavimento. Nella vasca più grande veniva posta l’uva che, dopo essere stata pigiata, defluiva nella vaschetta tramite un foro.

Pozzo di Cocciopesto

Di forma circolare, si raggiunge con una diramazione del cunicolo principale. Il pozzo è frequentato dal I secolo a.C. fino a periodi recenti. Il pozzo originario, di pianta circolare è stato, affiancato a uno medievale del XVIII secolo, con la funzione di fossa granaria.
Il nuovo pozzo ha modificato la forma circolare di origine, che ha un diametro di circa 4 metri.

Cisterna di Piazza Fratini

Nel chiostro di Piazza Fratini c’è uno degli accessi all’ambiente ipogeo. L’area della cisterna si sviluppa su due livelli, che si raggiungono entrambi con delle ripide scale. La cisterna, pavimentata, è un monumento di grande fascino. In questo luogo è presente un fitto intrigo di cunicoli, dei quali uno, lungo circa 30 metri, conduce al condotto principale.

 

Pozzo di neve

Il pozzo di neve è un particolare tipo di costruzione che veniva utilizzato per il mantenimento dei medicinali dell’Ospedale dei Raccomandati. Trasportata in blocchi rivestiti di paglia, la neve veniva presa dai Monti Cimini. Dopodiché il pozzo veniva riempito e il ghiaccio permetteva di mantenere la giusta temperatura nel sotterraneo.
La camera in cui si trova il pozzo risale all’Ottocento, insieme alla rampa utilizzata per far scivolare le botti. È certo che il pozzo risalga al 1891, come ci dice un iscrizione che riporta data, committente, utilizzo e autore. Questo graffito ha un grande valore storico, perché è una testimonianza rara per questo tipo di strutture.

 

Colombaia rupestre

La colombaia è un luogo utilizzato per l’allevamento del piccione a uso alimentare. Nel Medioevo questa attività è diffusa nel Lazio Settentrionale della Tuscia Viterbese. Nel borgo di Orte sono presenti su entrambi i versanti della rupe tufacea.
Le pareti della colombaia sono scavate da molteplici piccole nicchie disposte a file. L’allevamento dei piccioni era un mestiere che faceva guadagnare molto ed era praticato già in epoca romana. A Orte era un’attività produttiva sviluppata e sono tanti gli esempi di colombaie ben mantenute.
Unica nel suo genere la colombaia in via Solferino, forse del periodo etrusco-romano. Situata nella Contrada Porcini, sul lato settentrionale che si affaccia sul Tevere, è scavata su tre livelli differenti. Vicino a questa è presente anche l’articolata colombaia di via Magenta.

 

La visita di Orte Sotterranea: contatti e orari

La visita di Orte Sotterranea è in disponibile in due formati:

  • Percorso completo 1h 30 minuti – Fontana Ipogea, cunicolo, colombaie, pozzo di neve. Intero 8 € - Ridotto 5 € - Bambini sotto i 6 anni Gratis

  • Percorso breve 45 minuti – Fontana Ipogea, cunicolo. Intero 5 € - Ridotto 3 € - Bambini sotto i 6 anni Gratis

Orari delle visite di giovedì e venerdì: 15:15 – 17:00

Orari delle visite di sabato e domenica: 09:15 – 11:00 – 15:15 – 17:00

Per prenotare la tua visita a Orte Sotterranea contatta l'Ufficio turistico di Orte.

Telefono: 0761 404357

Indirizzo: Via Matteotti 45

 

Cerchi un’esperienza unica per il tuo viaggio? Orte Sotterranea è un itinerario speciale che puoi fare nell’Agro Falisco!

Dov'è Orte Sotterranea

Copyright© 2018 - Tutti i diritti riservati

InAgroFalisco è un progetto di Robin Network S.R.L.S. - P. IVA 14383081008 | Sede legale Via Eleonora Duse 53, Roma

E-mail: info@inagrofalisco.it

Please publish modules in offcanvas position.